Il coraggio dell’amore

14 febbraio 2014 a 08:12

Il coraggio dell’amore.

Casablanca fa piangere, almeno fa piangere me. Il Film, il film dove amore e senso della giustizia  si mescolano in un groviglio di oltre 100 minuti, dove alla fine vince ciò che è giusto.

film casablanca una storia d'amore

film Casablanca una storia d’amore

La storia – se davvero dovesse esistere qualcuno che non la conoscesse – è questa: durante la seconda guerra mondiale, Casablanca è diventata un passaggio obbligato per chi fugge dall’Europa, e qui l’ americano Rick gestisce un locale notturno. In questo crocevia di vite e tragedie arrivano anche il patriota Laszlo e sua moglie IIsa, vecchio amore di Rick a Parigi. Qui l’amore tra i due rinasce, ma Rick, ottenuti due visti d’uscita, convince IIsa a raggiungere l’America con il marito, così da permettere all’uomo di continuare a combattere per la libertà.

Insomma Rick, che poi è Humphrey Bogart,  schivo e scorbutico come solo Bogart poteva essere, è convinto che Ilsa ladivinaIngridBergman l’abbia scaricato a Parigi come una vera stronza; quando capisce che non è così, la rivuole per sé, con sé, ma alla fine  decide di salvarla e lasciarla andare col marito, “com’è giusto”.

Soffrono tutti, insomma. In nome della libertà. Tutti eroi. Il personale si trasforma e si sacrifica in nome dell’ universale.

Ah beh…

Certo che piango, quando lo guardo. Ogni tanto ho bisogno di grandi eroi e grandi storie a cui aggrapparmi tra un giorno e l’altro.

Ma poi mi chiedo…Piango per il sacrificio e per i cuori infranti o per la tristezza che mi provoca in parte la loro vigliaccheria nelle relazioni d’amore?

Non voglio scomodare i grandi cantautori ma qui tra un alibi e mille ragioni potremmo nascondere la testa sotto la sabbia per decenni!

Ilsa chiede a Rick di scegliere per il loro futuro. Mette la sua felicità nelle mani dell’altro, completamente. Va bene che sei la più bona del mondo, Ingrid, ma questo non ci aiuta nelle lunghe lotte per l’affermazione del desiderio e della volontà femminile.

E Rick cosa fa? La lascia partire col marito, certo per salvarli, certo ha ritrovato la fiducia nel suo amore e può decidere di lasciarlo andare, certo è un grand’uomo onesto e tormentato. Ma forse ha solo scelto di non provare a viversela, la sua storia con Ilsa.

Ha scelto di non rischiare, nascondendosi dietro ad un romanticissimo “Avremo sempre Parigi”.

Parigi è per sempre, nella memoria. Chissà come sarebbe stato viversela tutti i giorni, quella storia d’amore. Chissà…

Ah, buon S.Valentino gente!

Giovanna Canegrati

www.giovannacanegrati.it

L’ansia d’amore è l’ansia di abbandono?si ma non..